Trasformazione digitale per le imprese del Lazio, parte il progetto K&ISS

Si chiama K&ISS (Knowledge & Innovation Sharing System Digital Impresa Lazio) il progetto destinato alle Mpmi operanti nel Lazio per supportarle nel processo di digitalizzazione messo in campo dalla Regione.

Obiettivo dell’iniziativa è far conoscere alle aziende del territorio regionale il proprio livello di maturità digitale, oltre a formare imprenditori, manager e dipendenti con percorsi di digital innovation e individuare e progettare l’adozione di possibili soluzioni, prodotti e servizi a contenuto tecnologico.

Le imprese interessate a partecipare possono registrarsi sulla piattaforma www.digitalazio.it e compilare un “Questionario di Self-Assessment” per ottenere il proprio posizionamento in termini di maturità digitale. A disposizione di ciascuna impresa che avrà compilato il Questionario un percorso formativo gratuito di sessioni di formazione online, con video pillole su tematiche legate alla trasformazione digitale e con sessioni gratuite su temi come il cambiamento organizzativo tramite la digitalizzazione, la progettazione di servizi digitali, la gestione dei progetti e l’analisi dei dati aziendali, la sicurezza informatica e l’economia comportamentale. Dopo aver compilato il questionario, le imprese dovranno rispondere a ulteriori “Domande Motivazionali” per poter partecipare alla selezione delle 60 imprese che usufruiranno di ulteriori servizi specialistici di digital coaching.

Per maggiori informazioni: http://www.lazioinnova.it/bandi-post/call-kiss-knowledge-innovation-sharing-system-digital-impresa-lazio/.

Valorizzazione culturale dei siti del Lazio, in campo 3,9 milioni di euro

Si è conclusa nei giorni scorsi la procedura di accreditamento dei servizi culturali, da quest’anno gestita attraverso una nuova piattaforma digitale, e sono stati approvati gli elenchi degli ammessi a far parte dell’Albo regionale degli Istituti culturali. Per i musei e gli istituti similari, le biblioteche, gli Archivi storici e Istituti culturali del territorio arriveranno a breve cinque nuovi avvisi pubblici per un impegno di spesa pari a 3, 9 milioni di euro. La provincia di Latina vede numerose realtà culturali presenti nell’albo regionale che potrete consultare nel file qui sotto

Agli Istituti culturali del Lazio iscritti all’Albo regionale per l’anno 2021, la Regione ha destinato in totale 750 mila euro suddivisi in tre Avvisi pubblici: uno da 210 mila euro per la realizzazione di iniziative culturali ed educative, uno da 140 mila euro per il sostegno al funzionamento delle strutture ed il terzo da 400 mila euro per l’acquisizione di beni e attrezzature.
Con l’Avviso pubblico per l’assegnazione di contributi per le iniziative culturali ed educative da 210 mila euro, gli Istituti potranno ricevere fino a 8 mila euro per diverse tipologie di attività come, ad esempio, mostre, rassegne, convegni, seminari, iniziative didattiche o divulgative, corsi di formazione, ma anche per finanziare borse di studio o realizzare ricerche divulgative, per la catalogazione informatica, la digitalizzazione del patrimonio culturale per la fruizione online o il restauro di libri, archivi, foto e materiale audiovisivo. Una premialità è prevista per i progetti che dedichino, anche in parte, attività alle celebrazioni di Dante Alighieri. La domanda di contributo potrà essere inoltrata entro 30 giorni dalla pubblicazione dell’Avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio. Con l’Avviso pubblico per l’assegnazione di contributi per il sostegno del funzionamento, gli Istituti culturali potranno accedere a un finanziamento interamente a fondo perduto per spese riferite all’annualità 2021 che riguardino: il personale dipendente, la sede operativa (canone di locazione o quota di ammortamento per le sedi di proprietà, assicurazione, spese condominiali, spese per la pulizia e per la sanificazione dei locali), le utenze e i servizi culturali (come ad esempio manutenzione delle attrezzature, manutenzione dei siti web e collegamento banche dati). I 140 mila euro totali messi a disposizione dalla Regione verranno suddivisi in egual misura tra tutti gli Istituti che avranno presentato domanda ammissibile entro 20 giorni dalla pubblicazione dell’Avviso.
Con l’Avviso pubblico per l’assegnazione di contributi per l’acquisizione di beni e attrezzature da 400 mila euro gli Istituti potranno ricevere fino a 15 mila euro per l’acquisto di prodotti editoriali e beni per incrementare il patrimonio culturale, di attrezzature informatiche, scientifiche e di supporto, e di arredi finalizzati ad una più idonea fruibilità da parte degli utenti. Il contributo regionale per questa tipologia di acquisizioni è pari all’80% della spesa complessiva ritenuta ammissibile. La domanda di contributo potrà essere trasmessa entro 30 giorni dalla pubblicazione dell’Avviso.

Tutte le domande di contributo per gli Istituti Culturali dovranno essere inoltrate tramite PEC all’indirizzo cultura@regione.lazio.legalmail.it e, per conoscenza, a gfatuzzo@regione.lazio.it.
Per i Musei ed istituti similari, Biblioteche, Archivi storici accreditati nelle rispettive Organizzazioni regionali, la Regione ha destinato un avviso pubblico di 2,1 milioni di euro con un massimo di 7 mila euro per ogni singolo servizio culturale, che non potrà superare il 90% del costo totale del progetto. Con tale avviso si intende sostenere la programmazione di attività educative per differenti tipologie di pubblico, eventualmente anche erogate a distanza, la realizzazione di materiali informativi e di approfondimento, la cura delle collezioni museali, bibliografiche e archivistiche, il potenziamento e l’aggiornamento della comunicazione sul web e il sostegno alla formazione del personale con attività di aggiornamento anche attraverso piattaforma digitale. È inoltre previsto anche in questo caso un incentivo per lo svolgimento di iniziative organizzate in occasione del settecentenario della morte di Dante Alighieri.
Le domande di contributo potranno essere trasmesse entro 30 giorni dalla pubblicazione, tramite PEC all’indirizzocultura@regione.lazio.legalmail.it.
Con analoghe finalità e tipologie di interventi previsti, è in arrivo un avviso pubblico dedicato esclusivamente ai Sistemi di Servizi culturali accreditati nelle rispettive Organizzazioni regionali con un finanziamento pari ad 1 milione di euro.

Diamo valore alla lettura e alla produzione letteraria con un nuovo progetto

“Progetto formazione e cultura: valore lettura e produzione letteraria”, questo il nome dell’avviso pubblico realizzato dall’Assessorato Lavoro e nuovi diritti, Scuola e Formazione e Politiche per la ricostruzione e personale.

L’iniziativa, rivolta ai più giovani, nasce per favorire la nascita di momenti di aggregazione e socializzazione letteraria e culturale che ne accrescano il benessere personale e sociale, per aumentare le occasioni di socializzazione e di apprendimento legate all’accesso al mondo dei libri e della carta stampata

L’obiettivo della Regione Lazio è duplice: da un lato, è quello di favorire percorsi extrascolastici per promuovere la conoscenza e la formazione attraverso incontri, seminari, workshop su tematiche attuali che richiedono da parte dell’Amministrazione regionale un investimento in termini di recupero della riflessione e di apertura di spazi di dialogo con le giovani generazioni presso le case editrici che aderiranno all’iniziativa; dall’altro, è quello di potenziare e recuperare il prezioso patrimonio librario, sostenendo iniziative volte alla valorizzazione di piccole attività artigiane del settore, creando opportunità di crescita e rinnovamento.

Spiagge in sicurezza, ecco i fondi della Regione comune per comune

Tre milioni di euro per aiutare i Comuni del litorale laziale a gestire spiagge libere e lungomare in totale sicurezza per la nuova stagione balneare 2021. Con una delibera di Giunta approvata oggi, la Regione Lazio si impegna a sostenere le spese necessarie che gli enti locali dovranno affrontare per garantire l’accesso al mare senza rischi per un’estate all’insegna del turismo sicuro e accessibile a tutti.
La somma verrà ripartita tra 21 Comuni costieri e 2 Comuni delle isole pontine, in funzione di due parametri: la popolazione e la lunghezza di arenile libero – ossia delle spiagge libere e libere con servizi – del loro territorio.
I fondi regionali potranno essere usati dai Comuni per mettere in campo tutte le azioni che riterranno necessarie per assicurare una frequentazione sicura degli arenili, in particolar modo le spiagge libere, e dei lungomari.
Ecco la ripartizione per la provincia di Latina:
LATINA: 259.763
Sabaduia: 172.091
SAN FELICE CIRCEO 50.000
TERRACINA 115.591
FONDI 119.321
SPERLONGA 50.000
GAETA 62.337
FORMIA 100.836
MINTURNO 55.204
PONZA 59.984
VENTOTENE 50.000

Agriturismi, c’è il nuovo regolamento

Approvato in Giunta il regolamento per le attività agrituristiche, composto da 19 articoli e 3 allegati. Tra le principali novità, previste: l’adeguamento alla legge regionale 1/2020 relativa alle Misure per lo sviluppo economico, l’attrattività degli investimenti e la semplificazione, la classificazione delle aziende agrituristiche e la concessione in uso del marchio nazionale “Agriturismo Italia”.

Un nuovo numero telefonico unico per tutti i centri per l’impiego della Regione Lazio

Un’unica linea telefonica, raggiungibile da rete fissa e mobile, attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 17. Dal 3 maggio 2021 il numero telefonico del call center dei servizi per l’impiego della Regione Lazio cambierà in 06-99774201. Chiamando il nuovo numero saranno disponibili tutte le informazioni su servizi pubblici per l’impiego offerti a imprese e cittadini dai Centri per l’impiego della Regione Lazio.

“Connettività scuole” arriva la II edizione

Garantire l’accesso alla didattica degli studenti delle scuole di secondo grado, con questo spirito nasce la seconda edizione dell’avviso “connettività scuole”. La Regione Lazio ha bandito un nuovo avviso per prevenire situazioni che potrebbero alimentare la dispersione scolastica e per agevolare la partecipazione alle attività di istruzione e formazione e l’acquisizione di competenze degli studenti che più degli altri rischiano di essere penalizzati dalla condizione emergenziale provocata dalla pandemia. L’avviso intende dare continuità alle misure di sostegno messe in campo per facilitare l’esperienza dell’apprendimento a distanza da parte degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, siano esse statali o paritarie, e degli allievi inseriti in percorsi di IeFP, aumentando le possibilità per le scuole e gli studenti di accesso agli strumenti a supporto della DAD e alla connessione internet. Il nuovo intervento è sostenuto da un investimento economico di 1,5 milioni di euro.
Per conoscere tutti i dettagli dell’avviso “Connettività scuole seconda edizione” leggi la determina

Un programma regionale per valorizzare le tradizioni storiche, artistiche, religiose e popolari del Lazio

E’ stato approvato il bando pubblico per acquisire la manifestazione d’interesse per il “Programma regionale in favore delle tradizioni storiche, artistiche, religiose e popolari” annualità 2021. L’avviso è rivolto a Comuni, Circoscrizioni e associazioni Pro Loco, tutte le informazioni sono reperibili di seguito.

Pandemia, la Regione predispone un avviso pubblico per elargire un contributo a fondo perduto alle MPMI laziali

Un aiuto concreto per le MPMI penalizzate dal perdurare della pandemia. Sono stati stanziati 6 milioni di euro per la misura, il contributo a fondo perduto potrà raggiungere la cifra massima di 15 mila euro. L’avviso e il bando sarà gestito da Lazio crea S.p.A. e sarà pubblicato a breve, le micro imprese o le piccole medie imprese interessate per ad ottenere il contributo devono essere in possesso di alcuni requisiti, questi sono elencati nella delibera che potrete consultare qui sotto

  •  

Buoni Servizio per assistere persone non autosufficienti, la Regione Lazio stanzia 6 milioni di euro

Un aiuto concreto per chi si occupa di un famigliare non autosufficiente. I buoni servizio potranno essere spesi per accedere alle seguenti prestazioni:

·         assistenza domiciliare, con l’esclusione di attività sanitaria, erogata da enti accreditati;

·         centri diurni socio assistenziali autorizzati e servizi semiresidenziali autorizzati;

·         assistente familiare, con la/il quale è stato sottoscritto un regolare contratto di lavoro. 

I Buoni sono cumulabili con altri servizi e/o contributi pubblici di natura socio assistenziale. clicca qui per conoscere i requisiti richiesti dall’avviso:  https://www.efamilysg.it/

I richiedenti possono presentare domanda di partecipazione, esclusivamente on line, accedendo all’apposita piattaforma efamily al seguente indirizzo http://buoniservizio.efamilysg.it , a partire dalle ore 12:00 del 3 maggio 2021 ed entro le ore 23:59 del 30 novembre 2021; nel caso in cui abbiano a carico di cura più di una persona non autosufficiente potrà presentare una domanda per ciascuno di essi.