Cinema, novità per il museo sul Neorealismo di Fondi: un comitato scientifico di alto profilo

Un comitato tecnico scientifico di alto profilo: questa la novità per il museo sul Neorealismo di Fondi decisa dalla Regione. Nello specifico, faranno parte dell’ente culturale cinque persone: un esperto in regia, un critico cinematografico e uno storico dell’Arte individuati dalla Regione, un rappresentante della direzione regionale Cultura, un rappresentante del comune di Fondi.

CORONAVIRUS; ZINGARETTI FIRMA NUOVA ORDINANZA PER RIAVVIO ULTERIORI ATTIVITÀ ECONOMICHE, PRODUTTIVE E SOCIALI

‘Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019. Riavvio di ulteriori attività economiche, produttive e sociali’. Ecco la nuova ordinanza che consente la ripresa di molte attività che erano ancora ferme (dalle strutture termali ai circoli ricreativi) e rende pubbliche le linee guida di molte strutture che riapriranno nei prossimi giorni, come i campeggi, i noleggiatori di auto e altre attrezzature, i parchi tematici e di divertimento e i centri benessere, solo per fare alcuni esempi.

Indennizzi per Taxi e noleggio Ncc. Presto l’avviso pubblico regionale

La Giunta Regionale ha approvato una delibera – proposta dall’assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-up e Innovazione della Regione Lazio, Paolo Orneli, di concerto con l’assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mauro Alessandri – che stanzia complessivamente 8.800.000 € di indennizzi che saranno versati una tantum e a fondo perduto a titolari di licenze di taxi (anche ai conducenti membri di una cooperativa) o di autorizzazioni per l’esercizio del servizio di Ncc.

Ogni operatore taxi in servizio riceverà 800 euro; una somma che, nel caso dei soggetti titolari di autorizzazione Ncc, rilasciata nella Regione Lazio, può arrivare, con un meccanismo a scalare, fino a un massimo di 2.000 euro per coloro che siano in possesso di più autorizzazioni. I fondi saranno assegnati con un avviso pubblico che sarà pubblicato a breve e sarà gestito da LAZIOcrea.

Bonus per il personale sanitario: alla Asl di Latina 957mila euro

Pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Lazio la presa d’atto dell’accordo tra Regione e sindacati per il riconoscimento del bonus in busta paga in funzione del lavoro straordinario svolto per l’emergenza Covid. La dotazione per la Asl di Latina è di 957mila euro distribuite per oltre mille unità lavorative. Un gesto di riconoscenza tangibile per i sacrifici di tutto il personale sanitario pontino.

Rifiuti, serve una nuova visione. L’intervista su Latina Oggi

Di seguito il testo dell’intervista rilasciata al direttore di Latina Oggi Sandro Panigutti

La corsa dei sindaci per la scelta dei siti per la chiusura territoriale del ciclo-rifiuti FORTE: «Servono subito un Ato e una nuova visione culturale e d’impresa. I rifiuti sono una risorsa» 

Consigliere Forte, cosa pensa di questa, corsa dei sindaci verso la costituzione di un consorzio tra comuni che dovrebbe essere l’anticamera della gestione pubblica del ciclo dei rifiuti in ambito provinciale? 

«Nella sua domanda c’è già, implicita, la risposta. Il principio comunitario della prossimità, ovvero della organizzazione autosufficiente in un determinato ambito territoriale, che è un principio già fatto proprio dalla Regione Lazio, introduce la necessità della creazione di un ambito territoriale ottimale, un Ato, che eserciti la funzione di pianificazione e soprattutto di deciso rè della gestione in maniera coerente, omogenea sul territorio e caratterizzata da standard di qualità. Il ciclo di gestione dei rifiuti urbani deve essere caratterizzato come un vero sistema industriale, e pertanto deve essere l’Aio il soggetto chiamato a programmare e a determinare le condizioni operative per una gestione unitaria, trasparente ed economicamente equa». 

Sta dicendo che i sindaci pontini stanno perdendo tempo? 

«No, non l’ho detto. Dico che coincidendo il bacino Ato con i confini della provincia, sarebbe il caso che l’amministrazione provinciale e i comuni pontini si occupassero della creazione dell’Alo dei rifiuti (statuto, presidente, direttore, uffici) affidando a quell’organismo i] ruolo che la normativa gli attribuisce, ivi compreso il potere di decidere in che modo e attraverso quali procedure affidare la gestione del servizio a un gestore unico su tutto il territorio. Che si tratti di una holding con la partecipazione azionaria di tutte le società pubbliche che già operano sul territorio o altro, resta tutto da vedere, ma la strada da seguire è più o meno questa». 

Formulo meglio la domanda precedente; il Comitato ristretto dei sindaci appena costituito serve davvero? 

«Potrebbe essere un modo di consultarsi velocemente sul da farsi, anche se ritengo prioritario muoversi in fretta per individuare i siti che dovranno ospitare gli impianti ritenuti necessari per garantire l’autosufficienza d’ambito. E’ di pubblico dominio che la Regione sta aspettando indicazioni precise dalla Provincia sulla localizzazione dei siti, anche quelli di stoccaggio, prima che sia un’ordinanza regionale a prendere decisioni sulla testa di tutti i sindaci pontini». 

Beh, ieri sindaci hanno incontrato i presidenti dei Consorzi industriali di Latina e del sud pontino per sapere da loro quali siano i siti disponibili. 

«Non so cosa si siano detti, ma mi rifiuto di pensare che possano essere i consorzi ad individuare i siti dove posizionare gli impianti per il ciclo dei rifiuti: sono i comuni attraverso l’Ato che devono decidere, e dovrebbero anche sbrigarsi. Se vogliamo ad esempio che la discarica di Montello non riapra, è necessario offrire un’alternativa. Mi pare invece che si parli moltissimo ai compost, malgrado vi siano già due impianti ad Aprilia, uno a Pontinia, più un nuovo impianto anaerobico previsto anche quello a Pontinia, e lo si fa senza aver stabilito quale sia l’effettivo volume di materiale umido che il territorio pontino è in grado di produrre, o che sarà in grado di produrre il giorno in cui anche la città più grande della provincia avrà raggiunto livelli accettabili di raccolta

differenziata. Per rendere l’idea del livello di approssimazione che ci contraddistingue, le dico che rimpianto di Tmb di Rida Ambiente ad Aprilia è capace di trattare 430.000 tonnellate l’anno di rifiuto indifferenziato, quando attualmente la provincia di Latina ne produce 280.000 tonnellate l’anno. E se tra qualche anno anche il capoluogo comincerà a darsi da fare, quel volume è destinato a diminuire sensibilmente. 

Vogliamo cominciare a ragionare sui numeri e sui siti che dovrebbero permettere a questa provincia di avere un sistema industriale efficace, efficiente e remunerativo per i comuni e dunque per i cittadini?» 

E non parliamo della selezione del multimateriale, giusto? 

«Anche quello, si. Gli impianti di selezione dove stanno? Eppure la selezione e la valorizzazione dei prodotti di scarto riguardano carta e cartone, imballaggi in plastica e metallo, ingombranti di vario genere, tutta roba che può produrre utili, e peraltro c’è Invitalia che è pronta a finanziare le pubbliche amministrazioni locali per la realizzazione di impianti. E le nuove norme europee hanno già fissato le date e le relative percentuali di riciclaggio dei diversi materiali che dovremo essere in grado di produrre». 

Lei continua a dire no alla riapertura della discarica di Borgo Montello, ma l’alternativa dove sarebbe? 

«Direi che un sito per gli inerti al centro della provincia e uno al sud sarebbero la soluzione ideale, anche per la percorrenza dei mezzi. Ma vedo che i sindaci nicchiano, e questo accade perché siamo culturalmente indietro, non siamo ancora riusciti a fare nostro il messaggio che il rifiuto è una risorsa, e visto che siamo noi tutti a produrli, dobbiamo imparare a trarre vantaggio da tutto ciò che scartiamo, ed è possibile farlo differenziando il più possibile e riutilizzando i materiali». 

Il suo collega di partito Claudio Moscardelli ha spinto sull’area che si trova al sud del territorio comunale di Latina, sulla Pontina, in zona industriale. 

«Va benissimo, ma non capisco cosa voglia fare il sindaco Coletta. Del resto, il sindaco di Latina in materia di rifiuti mi sembra ancora in preda a spinte emotive più che razionali, altrimenti non si sarebbe caricato sulle spalle un’avventura come quella di Abc».

Fondi sia inserita tra le ex rosse da aiutare. Occorre anche l’impegno della Regione

E’ bene che il Governo prenda in considerazione anche il territorio di Fondi come ex zona rossa da inserire nel pacchetto di aiuti all’interno del Dl rilancio, destinato alle aree particolarmente colpite dal Covid. Il Comune del sud pontino ha delle specificità uniche: oltre ad essere un centro ortofrutticolo importantissimo in Europa, è anche l’unico in Italia ad annoverare una porzione costiera, su cui insistono importanti attività turistiche.  Comprendere Fondi nel piano straordinario potrà dare linfa alle famiglie, alle imprese ed ai professionisti che sono rimasti blindati nelle case per via delle rigidissime regole imposte alla rosa rossa. Per questo mi auguro che vengano apportati i giusti emendamenti al decreto, chiedendo formalmente anche alla Regione un impegno a considerare forme di ristoro per le zone rosse del territorio provinciale e regionale.

Agriturismi e agricampeggi, il 22 maggio si aprono le domande per ottenere contributi

Varato, con deliberazione della Giunta Regionale del 8 maggio 2020 n. 236, il  Bando pubblico Emergenza Covid-19, per Misure urgenti a sostegno delle attività agrituristiche che offrono ospitalità in alloggi, compresi gli agricampeggi. La dotazione è di 1,5 milioni di euro. Il sostegno può ammontare 2500 euro per struttura. Apertura bando ore 9.00 del 22 maggio 2020

Scadenza: 09/06/2020 Alle ore: 16:00

LEGGI IL BANDO

Avviso pubblico per il sostegno per le manifestazioni, gli eventi e l’attività ordinaria degli operatori sportivi del Lazio. Domande entro il 19 giugno

E’ attivo l’svviso pubblico per il sostegno per le manifestazioni, gli eventi e l’attività ordinaria degli operatori sportivi del Lazio – Importo massimo Euro 1.200.000,00 – Termine scadenza domande di partecipazione 19/06/2020

QUI TUTTE LE INFO